Detenuto in carcere a Cuneo dà fuoco a lenzuola e coperte, agente intossicato

0
Share.
Carcere di Cuneo

Carcere di Cuneo

«Fuoco e fiamme in una cella del carcere di Cuneo, un agente intossicato e tragedia sfiorata». Lo comunica il sindacato Sappe, che racconta un incidente avvenuto ieri sera (giovedì 11 aprile) alla casa circondariale di frazione Cerialdo. «Colpa e conseguenza della protesta di un detenuto straniero, che ha dato fuoco alle lenzuola, alla coperta e al cuscino della propria cella – spiega Vicente Santilli, segretario regionale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria -. Il tempestivo e coraggioso intervento dei poliziotti ha permesso di evitare più gravi conseguenze. L’uomo, di origine nordafricana, detenuto nella Prima sezione giudiziaria, avrebbe appiccato l’incendio per futili motivi. Gli agenti di polizia penitenziaria hanno subito trasferito gli altri detenuti, mentre il capo posto degli agenti del Padiglione giudiziario è rimasto intossicato».

Secondo la nota del sindacato, nel 2018 nel carcere di Cuneo si sono verificati 69 atti di autolesionismo, un decesso per cause naturali, 4 tentati suicidi sventati dalla Polizia penitenziaria, 37 colluttazioni e 4 ferimenti. «Questi dati dovrebbero fare seriamente riflettere sulle pericolose condizioni di lavoro dei poliziotti penitenziari – sottolinea Capece -, che ogni giorno di più rischiano la vita nelle celle delle carceri. La sicurezza si realizza assumendo gli agenti che mancano, finanziando e potenziando i livelli di sicurezza e sospendendo provvedimenti come la vigilanza dinamica, che vorrebbe meno ore i detenuti in cella senza però fargli fare alcunché. Le idee e i progetti dell’amministrazione penitenziaria si confermano ogni giorno di più fallimentari e sbagliati». E conclude: «L’Amministrazione penitenziaria dovrebbe essere riconoscente ai poliziotti in servizio a Cuneo, prevedendo un riconoscimento ufficiale in termini di ricompensa per il meritorio intervento nel carcere di Cerialdo».

Fiamme in sezione del carcere di Cuneo: sfiorata tragedia e agenti intossicati

Fonte:lastampa.it

Torna alla Home

About Author

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp