Memorial Day: “Perchè nessuno dimentichi“

Un percorso di sacrificio e credibilità necessaria a sostenere quei i valori a cui il percorso si ispira e per tenere viva la memoria nei confronti di chi ha sacrificato la propria vita per il bene del nostro paese. 

Il Sindacato Autonomo di Polizia Sap organizza da anni il Cammino, negli ambiti del Memorial Day, attraversando mezza Italia a piedi, e recandosi nei luoghi meravigliosi in cui passa la testimonianza e il tributo a chi ha sacrificato la propria vita per un Paese migliore e per tutti noi.

Il Cammino della Memoria, della Verità e della Giustizia, rappresenta quindi un percorso di sacrificio e credibilità necessaria a sostenere quei i valori a cui il percorso si ispira e per tenere viva la memoria nei confronti di chi ha sacrificato la propria vita per il bene del nostro Paese.

Un Percorso ciclistico e podistico della Memoria per le strade di Genova, città che ha pagato un duro prezzo in termini di sacrifici umani quali vittime della criminalità e del terrorismo, ha caratterizzato – nella giornata del 7 giugno scorso – la giornata del Memorial Day, organizzata come sempre con grande successo dalla Segreteria Regionale Liguria e dalla Segreteria Provinciale di Genova. 

Ciclisti e corridori (tra i quali diversi colleghi Baschi Azzurri), scortati da motociclisti di Polizia di Stato, Penitenziaria e Locale, sono partiti dal VI Reparto Mobile di Bolzaneto ed hanno raggiunto l’impianto sportivo Borgoratti Meeting Club – Campo F. Pitto – Giardini Taravacci, dove si è tenuto un convegno in ricordo di tutte le Vittime della criminalità, del terrorismo e del dovere. Molto toccanti e partecipate le soste in ricordo dei morti del Ponte Morandi e dell’alluvione di via Fereggiano nel 2011: i familiari di alcune vittime delle due tragedie occorse nel tempo nel Capoluogo ligure erano presenti al Memorial Day, ed erano tutti appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, in servizio e in quiescenza.

Il Corpo di Polizia Penitenziaria era rappresentato dal Comandante di Reparto della Casa Circondariale di Pontedecimo, il Commissario Coordinatore Stefano Bruzzone, da personale di Polizia in rappresentanza del Distaccamento di Genova del PRAP Piemonte-Liguria-Valle d’Aosta e della Casa Circondariale di Marassi. 

Al Memorial Day di Genova hanno partecipato anche alcune classi di quinta elementare (che hanno realizzato dei bei disegni caratterizzati dai valori della Legalità, della Giustizia e della Sicurezza), familiari di alcune Vittime del terrorismo e del dovere (che hanno commosso tutti con il racconto delle loro tragedie familiari), Autorità cittadine e militari (Questore, Comandante della Polizia Stradale e della Polizia Ferroviaria, Consigliere Comunale delegato del Sindacato, Presidente del Municipio Levante, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Locale) ed è stata, come sempre, una cerimonia meritoria ed emozionante, ottimamente organizzata dalle amiche e dagli amici del SAP genovese e ligure.   erremme

  • SOCIAL SHARE :

Informazioni sull'autore

Roberto Martinelli

Nato a Genova il 29 maggio 1968 Vice Ispettore del Corpo di Polizia Penitenziaria. Laureato in scienze dell’educazione. Giornalista pubblicista. Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Segretario Generale Aggiunto del Sappe e Consigliere Nazionale dell’Anppe Responsabile dell’Ufficio Stampa della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE. Consigliere Nazionale e Componente del Comitato Scientifico dell’Accademia Europea Studi Penitenziari.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp