“Buon compleanno principessa”: il tributo di FanPage alla collega Sissy Trovato Mazza che oggi avrebbe compiuto 30 anni

0
Share.
Vuoi essere aggiornato con tutte le VIDEO-NOTIZIE? Iscriviti al nostro canale!

Il 10 giugno 2019 Sissy Trovato Mazza avrebbe compiuto 30 anni. L’agente penitenziaria d’istanza alla Giudecca di Venezia è morta solo 5 mesi fa dopo un calvario durato due anni a seguito di un colpo di pistola alla testa. “Vogliamo ricordarla per la sua battaglia per la legalità e la trasparenza nelle carceri”.

Trent’anni. È l’età che avrebbe oggi l’agente Sissy Trovato Mazza se quel maledetto 1 novembre 2016, quel colpo di pistola non si fosse messo tra lei e tutto il resto della sua vita. Il 10 giugno 2019, infatti, la poliziotta penitenziaria e calciatrice professionista avrebbe raggiunto il traguardo di maturità dei 30 e festeggiato con i suoi parenti e amici nella nativa Taurianova, ma è stata stroncata da quel proiettile solo 5 mesi prima. “Vogliamo ricordare Sissy, non soltanto per il suo carattere solare e spensierato, ma anche per la battaglia, serissima e ammirevole, che stava portando avanti prima di morire, quella per la legalità e la giustizia nelle carceri. È stata colpita da quel proiettile in un periodo delicatissimo, in cui aveva non pochi conflitti e spero che presto le vanga resa giustizia”.

Così a Fanpage.it, Jo Pinto, vicepresidente del Comitato Civico Sissy La Calabria è con te (diretto da Loredana Viola), che da due anni sostiene la famiglia nelle spese legali. Per la morte di Sissy è tuttora in corso un’indagine per istigazione al suicidio in capo alla Procura di Venezia. Dopo due anni non è ancora chiaro chi abbia esploso il colpo di pistola che ha ferito Sissy alla testa nell’ascensore dell’ospedale civile di Venezia, dove stava svolgendo un controllo. Sissy è stata colpita alla testa dal un proiettile esploso dalla sua arma di ordinanza, ciononostante, alcuni particolari, come l’assenza di impronte dall’arma, la posizione della pistola e la treiettoria dello sparo hanno sollevato numerosi dubbi sul fatto che, come concluso inizialmente dalla Procura, fosse stata la stessa agente a sparare. Dal 2012, Sissy era in servizio al carcere femminile della Giudecca di Venezia, dove nell’ultimo periodo svolgeva mansioni amministrative. Era portiere in una squadra di calcio professionale, dove tutti la conoscevano per il suo entusiasmo e la sua trasparenza.

Fonte: www.fanpage.it/

 

Torna alla Home

About Author

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp