Rosolini, una lapide per ricordare l’agente di Polizia Penitenziaria Giuseppe Cappello

0
Share.
Vuoi essere aggiornato con tutte le VIDEO-NOTIZIE? Iscriviti al nostro canale!

La cerimonia in presenza dei familiari del poliziotto penitenziario scomparso la notte del diluvio del 25 ottobre

Una lapide per ricordare Pippo Cappello, agente di polizia penitenziaria morto durante la notte del nubifragio del 25 ottobre. Stamattina in contrada Stafenna, in quel dannato punto in cui si è spento Giuseppe Cappello, è stata posizionato una lapide in ricordo del 52enne. La scritta “Vittima del dovere e dell’incuria” campeggia in quel pezzo di marmo, con la foto di Giuseppe. Parole che sono sintomatiche sia della vita che della morte dell’agente: un uomo dedito al dovere, sino in punto di morte, e deceduto per cause su cui i familiari vogliono far luce.

Alla cerimonia erano presenti la famiglia, la moglie Rita Calabrese e i figli Corrado e Giusy, il sindaco di Rosolini, Pippo Incatasciato, il direttore della casa circondariale di Siracusa Aldo Tiralongo, il Comandante di Reparto della Casa Circondariale di Siracusa Davide Militello, il comandante provinciale del nucleo Traduzioni e Piantonamenti Elisa Buscemi, il comandante della stazione cittadina dei  carabinieri Giuseppe Vaccaro, il parroco don Bruno Carbone e amici e colleghi.

LE PAROLE DEL SINDACO

“Oggi – ha detto il sindaco Incatasciato – il dovere di questa comunità è stare vicino alla famiglia e trovare soluzioni per il territorio più di quante non ne siano state trovate. Perché dovremo abituarci a questi eventi disastrosi e prepararci per affrontarli al meglio”.

La memoria viva di giuseppe non morirà mai – ha detto don Bruno Carbone – il suo modo di vivere e di essere lavorato

Fonte: siracusanews.it

Torna alla Home

About Author

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp