Sciopero Dozza Bologna, niente pasti per la Polizia Penitenziaria. Braccia incrociate per i lavoratori addetti alle mense

0
Share.
Vuoi essere aggiornato con tutte le VIDEO-NOTIZIE? Iscriviti al nostro canale!
Prima di leggere l' articolo perdi un secondo e metti mi piace sulla nostra pagina facebook

Niente pranzo né cena per la Polizia pentitenziaria del carcere Dozza e delle altre case circondariali in regione a causa dello sciopero dei lavoratori addetti alle mense gestite in appalto dal consorzio Unilabor e Food Facility. “Una protesta contro gli ennesimi mancati versamenti di stipendio di dicembre e della tredicesima che è stata erogata, pochi giorni fa, in piccola parte solo per evitare lo stato di agitazione”.
Sotto le Due Torri sono sei le cuoche e cuochi che, per tutta la giornata di oggi, hanno lasciato spento i fornelli, lasciando a digiuno centinaia di agenti, considerando “che i pasti serviti dalla mensa si aggirano intorno ai 250 a pranzo e pochi meno nel turno serale”, aggiunge Dessì.  I sindacati si rivolgono in prima persona al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, invitandolo a “indossare il grembiule di chi sfama gli agenti di Polizia penitenziaria, il grembiule delle cuoche, delle addette mensa e anche ad interessarsi della loro storia”, oltre che alla divisa della Polizia penitenziaria, esibita dal ministro due settimane fa. Il ministero della Giustizia, spiegano, “continua da anni ad appaltare il servizio di ristorazione per gli agenti nelle carceri ad aziende che, almeno in Emilia-Romagna, non erano gli stipendi ai lavoratori”.
Ma “dietro l’offerta economicamente più vantaggiosa si nasconde il massimo ribasso” e questo equivale a scaricare sui lavoratori il rischio d’impresa. Per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni dei lavoratori e sollecitare il ministro della Giustizia “a non appaltare il servizio di ristorazione al massimo ribasso, sistema che non fa altro che peggiorare la qualità del servizio e le condizioni di chi lavora quotidianamente nel sistema carcerario”, il 27 febbraio si terrà un’udienza conoscitiva. A indirla l’assessore comunale alle Attività produttive, Marco Lombardo che esprime la sua solidarietà agli addetti alle mense della Dozza in sciopero.

Leggi anche: Piacenza, larve nei piatti alla mensa dei poliziotti penitenziari.

Fonte:ilrestodelcarlino

Torna alla Home

About Author

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp