<

Categoria: aggressioni

Una colluttazione tra un detenuto marocchino e uno romeno, già sottoposti a divieto d’incontro, e un agente penitenziario prima colpito con un pugno nel tentativo di separarli e poi circondato dagli altri detenuti: è quanto accaduto nel carcere di Lucca nella giornata di ieri. Solo il pronto intervento di altri agenti poneva fine alla rissa” mettendo “in sicurezza l’agente aggredito”, spiega una nota. L’agente aggredito ha avuto 23 giorni di prognosi. I due reclusi che hanno avuto la colluttazione sono venuti a contatto, si spiega ancora, perchè altri detenuti romeni sono riusciti “a forzare il cancello che, di fatto, separa due…

Torna alla Home

Sappe, evacuata sezione, 5 poliziotti medicati a pronto soccorso Prima ha aggredito con i pugni due agenti della polizia penitenziaria, lanciando contro di loro anche un carrello per il trasporto del vitto. Poi, una volta bloccato e accompagnato in cella, dopo una mezz’ora, intorno alle 15.00, ha incendiato il materasso provocando un incendio che ha costretto la polizia penitenziaria a evacuare i detenuti della III sezione del carcere di Lucca. Protagonista un detenuto di origine marocchina. Cinque agenti sono stati medicati al pronto soccorso per le inalazioni di fumo e le conseguenze dell’aggressione. A denunciare quanto successo nella Casa circondariale…

Torna alla Home

Ancora problemi nel carcere di Teramo: un agente di Polizia penitenziaria è stato aggredito alle spalle da un detenuto, ne è nato uno scontro e, nonostante il tentativo di difendersi, proprio l’agente ha riportato la frattura del setto nasale. La denuncia arriva da Giuseppe Pallini, segretario provinciale del Sappe di Teramo. L’aggressione è avvenuta nella sezione dei detenuti comuni e, secondo Pallini, Sappe Teramo, Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria, del segretario provinciale Giuseppe Pallini. “dimostra, se ancora ve n’era bisogno, l’allarmante situazione delle carceri italiane e in particolare di quello teramano, abbandonato da tempo dall’Amministrazione centrale e regionale e diventato ricettacolo…

Torna alla Home

Ieri un’agente della Polizia Penitenziaria è stato ferito da un detenuto nel carcere di Poggioreale. A denunciare il tutto è stato Emilio Fattorello, segretario nazionale per la Campania del Sappe: ”Grave aggressione ai danni di un assistente Capo Coordinatore di Polizia Penitenziaria, in servizio al 1 piano del Padiglione Roma. Un detenuto di origini napoletane, giudicabile per reati collegati allo spaccio, dopo un richiamo dell’assistente ha con inaudita violenza colpito con pugni e spinto contro la ringhiera di ferro il poliziotto. L’intervento di altri colleghi ha evitato ulteriori conseguenze. La vile aggressione ha procurato gravi danni al collega che ha fatto ricorso alle…

Torna alla Home

Torna il problema dell’alcol che i detenuti produrrebbero nelle celle, visto che la vendita è vietata 5 agenti di Polizia penitenziaria feriti nel corso di una aggressione andata in scena ieri sera dopo le 18 al carcere della Dozza. Da quanto si apprende alla base dell’episodio potrebbe esserci ancora il problema dell’alcol che i detenuti produrrebbero nelle celle, visto che la vendita è vietata. Ieri sera, intorno alle ore 18.20, gli agenti del turno serale sono stati dirottati presso il secondo piano giudiziario della braccio “B”, dove era in atto una protesta da parte di due detenuti stranieri. Sembrerebbe che…

Torna alla Home

Un paziente psichiatrico si è avventato alle spalle del poliziotto prendendolo per la gola e ha tentato di strangolarlo, è vivo per miracolo”. Il drammatico racconto del sindacato di polizia dal Santissima Trinità di Cagliari. Cagliari, malato tenta di strangolare un agente di polizia al Ss Trinità: salvato in extremis. E’ vivo per miracolo l’agente della polizia penitenziaria in servizio presso il reparto di psichiatria dell’ospedale SS. Trinità di Cagliari il quale, mentre piantonava un detenuto ricoverato nel medesimo nosocomio, è stato aggredito da un malato. Nella mattinata di oggi, i poliziotti della Casa Circondariale di Uta si trovavano come…

Torna alla Home

Sei agenti di polizia penitenziaria feriti a calci, pugni e morsi da un detenuto del reparto psichiatrico di Regina Coeli. E’ accaduto nella tarda serata di venerdì nel reparto dove sono rinchiusi circa venti detenuti: un giovane africano in carcere per oltraggio e lesioni, dopo una colluttazione tra detenuti si rifiutava di andare presso l’infermeria per le cure e agli inviti del personale di Polizia Penitenziaria ha reagito con pugni al volto dell’ispettore presente e poi ha aggredito altri Poliziotti Penitenziari con calci e morsi. Ciò nonostante i Poliziotti Penitenziari sono riusciti ad accompagnarlo al reparto isolamento ma anche lì…

Torna alla Home

La denuncia del Sappe, il sindacato della polizia penitenziaria. Un detenuto romeno, sofferente mentale, avrebbe cercato di colpire quattro agenti del carcere con olio bollente. L’uomo, fermato, sarebbe poi stato ricoverato in un ospedale cittadino Alta tensione nel carcere di Uta, dove un detenuto ha aggredito quattro poliziotti e ha cercato di gettargli addosso olio bollente. È la denuncia del Sappe, il sindacato degli agenti di polizia penitenziaria. “Nella tarda giornata di ieri, 10 dicembre 2018 – racconta Luca Fais, segretario regionale del Sappe – un detenuto rumeno della casa circondariale di Cagliari Uta ha aggredito quattro poliziotti penitenziari che cercavano…

Torna alla Home

L’uomo mentre era ammanettato avrebbe, secondo i feriti, assalito i due agenti che lo scortavano e una guardia giurata. Si sollecita la distribuzione di pistole elettriche REGGIO CALABRIA – Un detenuto, che era stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale di Reggio Calabria per accertamenti dopo avere ingerito un corpo estraneo, ha aggredito due agenti penitenziari che lo stavano scortando e una guardia giurata. A darne notizia sono Giovanni Battista Durante segretario generale aggiunto del Sappe e Damiano Bellucci segretario nazionale dello stesso sindacato. Gli agenti e la guardia, a seguito dell’aggressione hanno dovuto fare ricorso alle cure dei sanitari. Per riportare…

Torna alla Home

Un agente della Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Torre Sinello è stato selvaggiamente malmenato ieri da un detenuto. La notizia è trapelata soli perchè l’agente ha avuto bisogno dei sanitari del Pronto Soccorso. La prognosi per l’agente è di 25 giorni. Sulla vicenda è intervenuto il sindacato degli agenti di Polizia Penitenziaria che stigmatizza l’accaduto e chiede maggiore attenzione sulle problematiche che riguardano la categoria. noixvoi24 [qsm quiz=1]

Torna alla Home

La ragazza, una casertana 20enne, assalita e molestata dall’immigrato, poi arrestato Ha toccato più volte – e se non lo avessero bloccato avrebbe continuato – il fondoschiena di un’agente della polizia penitenziaria che, da poco libera dal servizio e in attesa di tornarsene a casa, stava osservando il display del proprio telefonino seduta su un blocco di cemento proprio davanti a un bar tabacchi (in quel momento chiuso) accanto all’ingresso principale del carcere di San Vittore, in piazza Filangieri. Ma non si è fermato lì. Dopo che la giovane donna lo ha respinto con forza allontanandolo immediatamente con diversi spintoni…

Torna alla Home

Prima si è barricato in cella per non avere ottenuto dei colloqui straordinari, poi ha distrutto tutto quello che aveva all’interno della camera, provocando contusioni a quattro poliziotti penitenziari, prima di finire a sua volta in ospedale. È successo oggi nella casa circondariale di Benevento ed il protagonista è un detenuto campano ristretto ad alta sicurezza. A darne notizia è Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, il primo e più rappresentativo della categoria. “Sono stati momenti di alta tensione – spiega Capece –  gestiti al meglio dal personale di polizia penitenziaria che con grande professionalità ha…

Torna alla Home

Mentre davanti al carcere veniva inaugurata la panchina rossa contro la violenza sulle donne, la violenza nei confronti degli agenti di polizia penitenziaria non accenna a placarsi. Un detenuto italiano, trasferito nella casa circondariale di Ferrara per aver aggredito un agente, dopo il consiglio di disciplina è andato in escandescenza e ha creato disordini nella sezione di appartenenza. A denunciare l’ennesimo episodio violento dietro le sbarre sono Giovanni Battista Durante e Francesco Campobasso, rispettivamente segretario generale aggiunto e segretario nazionale del Sappe. Il personale di polizia penitenziaria, riportano i sindacalisti, ha chiesto l’intervento del direttore che, giunto nel reparto detentivo, è stato aggredito…

Torna alla Home

Nel carcere di Rovigo cinque agenti della polizia penitenziaria sono stati vittime di una brutale aggressione da parte dei detenuti di cui due di origini africane. Ora sarebbe prioritario sapere dal ministro della Giustizia Alfonso Bonafede quando intenda sospendere il regime delle celle aperte, introdotto dal Governo del Pd, che rappresenta la principale causa della scarsa sicurezza all’interno dei penitenziari”. Lo afferma in una nota Edmondo Cirielli, Questore della Camera dei Deputati e parlamentare di Fdi. “I due detenuti africani vanno rispediti nei loro Paesi a scontare la pena. Ma purtroppo anche su questo impegno, cosi’ come sull’abolizione del regime…

Torna alla Home

Sabato pomeriggio di follia e violenza nel carcere di Velletri dove un detenuto, appena scarcerato, ha prima danneggiato alcune auto del personale di Polizia Penitenziaria e poi aggredito alcuni Agenti. A dare la notizia è Maurizio Somma, segretario nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE: “Oggi a Velletri si è vissuta una situazione folle e assurdo. Verso le 15:30, un detenuto scarcerato per sospensione della pena appena uscito dal carcere ha danneggiato le autovetture del personale di Polizia Penitenziaria  all’interno del parcheggio. Il personale è immediatamente intervenuto per fermarlo ma l’uomo ha aggredito prima un Assistente capo…

Torna alla Home

Un giorno folle, quello di venerdì 23 novembre, all’interno del carcere di Rovigo, che si è risolto con un bilancio serio, ma che avrebbe potuto essere anche peggiore. Nel carcere di Rovigo dei detenuti africani hanno minacciato e ferito due poliziotti. A sostenerlo eil sindacato di polizia penitenziaria Sappe in una nota a firma di Giovanni Vona segretario nazionale per il Triveneto del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria. «Giornata di fuoco alla Casa Circondariale di Rovigo – riferisce Vona -. Durante la battitura, i due detenuti occupanti la cella hanno aggredito i due poliziotti penitenziari che stavano effettuando il controllo inferriate. I detenuti sono diorigine nigeriana. Successivamente, altri detenuti, solidali…

Torna alla Home

Lunedì di violenza nel carcere di Novara, dove si è vissuta ieri l’ennesima situazione di alta tensione da parte di un detenuto ai danni di personale di Polizia Penitenziaria A dare la notizia è Vicente Santilli, segretario regionale per il Piemonte del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE: “Ieri mattina, dopo l’apertura dei passeggi, il detenuto (di 21 anni ed etnia marocchina) pretendeva che l’Agente di Polizia Penitenziaria in servizio nella Sezione detentiva dove è ristretto chiamasse immediatamente il medico per avere altra terapia medica rispetto a quella già assunta.Veniva avvisato che il medico era in altra Sezione detentiva a visitare…

Torna alla Home

Da diverso tempo le Organizzazioni Sindacali di Polizia Penitenziaria del Comparto Sicurezza  SAPPE, OSAPP, SINAPPE, USPP, FNS CISL, CNPP e CGIL FP, denunciano una degradante realtà carceraria. Relativamente al carcere di Asti, il problema più avvertito si identifica nel perdurare di un allarmante sotto organico di Polizia Penitenziaria di tutti i ruoli con particolare riferimento a quelli dei Sovrintendenti e Ispettori. “Infatti, la legge Madia ha operato ‘tagli’ senza precedenti. – denunciano le sigle sindacali in una nota congiunta –Il fondo è stato toccato il 15 novembre quando un detenuto Alta Sicurezza, camorrista, con problemi psichiatrici ha violentemente aggredito un giovane Agente…

Torna alla Home

Condannato per il pestaggio in strada di un agente di polizia penitenziaria, preso a botte fino a fratturargli il setto nasale. E dovrà pure risarcirlo. Un secondo imputato ne è uscito indenne. Questa, in estrema sintesi, la sentenza a carico di due soggetti che a pochi passi dal bunker Malaspina, avrebbero preso a botte un agente in servizio al carcere «Piazza Lanza» di Catania. Giudicato colpevole il trentasettenne Marco Michele Mirisola (difeso dall’avvocato Massimiliano Bellini) che ha rimediato in continuazione la pena a 2 anni di reclusione ma non è stata riconosciuta l’aggravante dello sfregio. In più dovrà pagare le spese…

Torna alla Home

Il Sappe: chiediamo che al personale siano dati in dotazione spray urticanti e taser Non si ferma la scia di violenza all’interno del carcere di Trani dove nella mattinata di ieri 18 Novembre, un detenuto di circa 27 anni di San Severo in carcere per reati comuni, senza alcuna motivazione ha prima aggredito verbalmente con insulti e minacce un poliziotto, e poi, colpendolo con schiaffi e pugni lo ha fatto cadere malamente per terra. Fortunatamente il poliziotto di servizio nell’altra sezione è prontamente accorso in aiuto al collega in difficoltà , evitando danni ancora più gravi. Dopo di ciò il…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp