<

Categoria: approfondimenti

I poliziotti penitenziari, esecutori di ordini, pur tentando di rispettare pedissequamente i testi di legge e le normative di natura amministrativa, sovente colgono sfumature connesse alla propria attività istituzionale, sfumature che, in alcuni casi, non vengono percepite dai parlamentari (potere legislativo), dal Governo (potere esecutivo), e dalla Magistratura (potere giudiziario). Ci si rammarica, pertanto, dopo anni di “esecuzione passiva” dei testi di legge, che non vengano ascoltati dalle competenti Commissioni parlamentari i pareri di coloro che, come detto, colgono sfumature peculiari e connesse alla propria attività di lavoro. Tale condizione si traduce, spesso e nostro malgrado, in esecuzioni dei dettami…
WhatsApp Ricevi news su WhatsApp