<

Categoria: eventi critici

La Provincia chiede l’apertura di un tavolo per affrontare il problema della carenza di personale e delle prospettive di recupero dei detenuti dopo le proteste derivate dal sovraffollamento dell’istituto di pena.Per l’assessore alle Politiche sociali Antonella Coniglio “siamo davanti a un segnale, la punta dell’iceberg della gravissima situazione che, se durante l’anno è abbastanza controllabile dei nostri istituti penitenziari, diventa di difficile gestione nel periodo estivo". Il problema è stato sollevato con una domanda d’attualità dei consiglieri provinciali di Rifondazione comunista Andrea Calò e Lorenzo Verdi, alla quale ha risposto l’assessore. La Provincia, dunque, ha contattato il Provveditorato Regionale, nelle…

Torna alla Home

La Provincia chiede l’apertura di un tavolo per affrontare il problema della carenza di personale e delle prospettive di recupero dei detenuti dopo le proteste derivate dal sovraffollamento dell’istituto di pena.Per l’assessore alle Politiche sociali Antonella Coniglio “siamo davanti a un segnale, la punta dell’iceberg della gravissima situazione che, se durante l’anno è abbastanza controllabile dei nostri istituti penitenziari, diventa di difficile gestione nel periodo estivo". Il problema è stato sollevato con una domanda d’attualità dei consiglieri provinciali di Rifondazione comunista Andrea Calò e Lorenzo Verdi, alla quale ha risposto l’assessore. La Provincia, dunque, ha contattato il Provveditorato Regionale, nelle…

Torna alla Home

Manifestazione questa mattina davanti al carcere di Trento da parte di una rappresentenza di agenti di polizia penitenziaria. Gli agenti sollecitano interventi contro il rischio di carenza di personale, e quindi di sicurezza, nella nuova struttura di Spini Gardolo. I sindacati fanno presente come, a fronte di una previsione di 350 agenti destinati al nuovo carcere, al momento e’ annunciato l’arrivo solo di 20 nuovi poliziotti. Fonte: ansa.it

Torna alla Home

E’ la Francia il paese dell’Europa occidentale con il più alto tasso di suicidi in carcere. Secondo quanto ha riferito oggi il direttore dell’Amministrazione penitenziaria francese (Ap), Jean-Amedee Lathoud, durante un’audizione parlamentare, nel paese transalpino dall’inizio del 2010 si sono suicidati 51 detenuti. In totale nelle prigioni francesi ci sono 61.656 detenuti, e la Francia è stata in passato regolarmente condannata dalla Corte europea “Nel 2010, 51 detenuti si sono suicidati”, ha dichiarato Lathoud, ricordando che nel 2009 nello stesso periodo i suicidi erano stati 57. In totale nel 2009 i suicidi sono stati 115; l’anno precedente erano stati 109.…

Torna alla Home

LECCE – Secondo suicidio in pochi giorni a Lecce, ed una casistica che fa rabbrividire: sono ormai una trentina i casi analoghi in Italia dall’inizio dell’anno. Questo pomeriggio, intorno alle 15, un detenuto di 55 anni di Salve, Luigi Coluccello, si è tolto la vita impiccandosi nel reparto infermeria della casa circondariale di Lecce. La notizia del decesso è stata diffusa dal coordinamento interregionale di Puglia e Basilicata del Sindacato autonomo di polizia penitenziaria (Sappe). L’uomo doveva scontare ancora circa tre anni di detenzione. Ed il Sappe punta ancora una volta il dito contro le carenze nell’istituto di pena del…

Torna alla Home

"Sono davvero sconcertato dalle esternazioni estemporanee di certi esponenti di questo Governo di centro-destra in materia penitenziaria, tanto piu’ se Sottosegretari alla Giustizia, e mi chiedo se esse sintetizzano l’effettivo intendimento dell’esecutivo Berlusconi sull’argomento. Garantire il sesso in carcere ai detenuti dovrebbe essere l’ultimo dei pensieri di chi ha responsabilita’ di governo della Giustizia, vista l’esplosiva situazione penitenziaria, con 68mila detenuti presenti in celle adatte per ospitarne regolarmente 43mila, con appartenenti alla Polizia penitenziaria impegnati nella prima linea delle sezioni detentive sempre piu’ frequentamente aggrediti e feriti". E’ quanto dichiara Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe,…

Torna alla Home

La Commissione Consiliare Politiche della Sicurezza, presieduta da Vittoria Poggio, ha affrontato, in una serie di sedute richieste dai consiglieri comunali Mario Bocchio e Maurizio Sciaudone, da tempo particolarmente attenti alla questione, il problema del sovraffollamento nelle carceri alessandrine, comune a tutto il Paese. L’audizione delle Organizzazioni Sindacali della Polizia Penitenziaria evidenzia una condizione di vita, all’interno delle carceri di piazza Don Soria e di San Michele, al limite della sopportabilità. "Una situazione – sottolineano Bocchio e Sciaudone – che comporta condizioni di vita difficili anche per gli agenti della Polizia Penitenziaria costretti, a loro volta, a condividere quella stessa…

Torna alla Home

Catania, 15 giu. – Un detenuto del carcere catanese di Bicocca si e’ suicidato respirando il gas della bomboletta che alimentava un fornelletto da campeggio nella sua cella. Antonio Gaetano Di Marco, piccolo boss di Bronte, era stato condannato per mafia, e aveva altri dieci anni di pena da scontare. La morte e’ stata scoperta all’alba dai compagni di cella, con i quali l’uomo aveva guardato ieri sera in tv la partita dalla nazionale. Di Marco, cugino del boss Francesco Montagno Bozzone, l’uomo che Santo Mazzei aveva indicato come rappresentante della commissione provinciale di Cosa Nostra, era depresso dopo che…

Torna alla Home

Roma, – Nel giorno del trentaduesimo suicidio in carcere, dalla Camera non arriva alcuna buona notizia per le condizioni dei detenuti negli istituti penitenziari italiani: è ancora fermo in commissione Giustizia, infatti, in attesa di un parere del governo e della commissione Bilancio il ddl Alfano che prevede la possibilità di scontare l’ultimo anno di pena ai domiciliari. Dopo una tormentata discussione che ha portato allo stralcio delle norme sulla messa in prova e a diverse modifiche, molte chieste dalla Lega, la commissione presieduta da Giulia Bongiorno ha concluso l’esame del provvedimento lo scorso 18 maggio avviando l’iter per l’assegnazione…

Torna alla Home

”L’allarmante situazione delle carceri italiane sta determinando in molti istituti penitenziari tensioni tra i detenuti e inevitabili problemi di sicurezza interna che ricadono sulle donne e gli uomini della Polizia penitenziaria, come dimostrano le recenti proteste di detenuti in vari carceri del Paese, le molte aggressioni a poliziotti penitenziari, i detenuti morti con l’ultimo suicidio tra le sbarre ieri a Salerno”. E’ il commento di Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, a commento delle manifestazioni di protesta di detenuti, in atto in alcuni penitenziari del Paese, ed all’ennesimo suicidio di un detenuto. La situazione nei nostri…

Torna alla Home

Mega rissa tra detenuti intorno alle 14 di oggi nel campo sportivo all’interno della casa di reclusione di San Gimignano (Siena): coinvolti una quarantina di detenuti. Lo rende noto il sindacato di polizia penitenziaria Sappe di Siena, spiegando che si sono fronteggiati reclusi italiani da una parte ed extracomunitari dall’altra, poi riportati alla calma per l’intervento degli agenti, che, seppur in numero ridotto, sono riusciti a "ristabilire l’ordine e a scongiurare conseguenze ben più gravi". I detenuti, spiega Claudio Benzo segretario del Sappe di Siena, erano al campo, chi impegnato a giocare a calcio, chi in altre attività sportive. Tutti…

Torna alla Home

Cairo M. La Scuola Penitenziaria di Cairo Montenotte si conferma struttura fondamentale per tutto il territorio valbormidese. A margine della presentazione del Giro d’Italia Dilettanti, che ospiterà gli atleti proprio nel sede cairese, è stato Andrea Zagarella, vice commissario e comandante della scuola cairese, a fare il punto sull’attività ed il futuro dell’istituto. “La scuola mantiene linea di essere aperta al territorio in cui opera – sottolinea il comandante Zagarella -. Sono in corso i nostri programmi formativi dedicati al personale di polizia penitenziaria, per vari ruoli e gradi, tuttavia crediamo molto nel ruolo della scuola come servizio per la comunità locale.…

Torna alla Home

“Il sovraffollamento degli istituti penitenziari e la carenza di personale sono i due annosi problemi con cui il Corpo di Polizia Penitenziaria è costretto a confrontarsi ogni giorno. Eppure, nonostante le evidenti difficoltà, l’impegno degli agenti penitenziari non viene mai meno”. È quanto dichiara il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, intervenendo in occasione della Cerimonia Celebrativa dell’Annuale regionale Fonte: salentonotizie.com

Torna alla Home

Ben trentuno tentativi di suicidio da parte dei detenuti sono stati sventati dagli agenti di polizia penitenziaria dell’Emilia-Romagna nel corso del 2010. Il dato e’ stato reso noto dal comandante del reparto di polizia penitenziaria degli istituti penitenziari di Parma Augusto Zaccariello nel corso della celebrazione della Festa della polizia penitenziaria che si e’ tenuta lunedì nel cortile dell’ex carcere di San Giovanni in Monte a Bologna. Il lavoro degli agenti, inoltre, ha garantito centodiciotto manifestazioni sportive, ricreative e culturali a favore dei detenuti. Gli agenti, poi, hanno vigilato su 27.325 colloqui tra detenuti e familiari, e garantito 2.862 ingressi…

Torna alla Home

Troppi detenuti, pochi agenti di Polizia Penitenziaria. A sommi capi è l’equazione che rispecchia la carenza d’organico con cui Canton Mombello deve fare i conti ogni giorno: a fronte di 520 detenuti (298 la capienza massima tollerabile) il reparto è composto da 258 unità, ben 106 in meno rispetto alle 364 previste. «Ed è proprio in questo momento di difficoltà che è solo grazie al loro spirito di sacrificio chè è stata comunque garantita l’esecuzione dei provvedimenti restrittivi emessi a carico di 3.066 detenuti che nel 2009 hanno fatto ingresso nella casa circondariale»: è la parola del comandante della Polizia…

Torna alla Home

Nonostante il grido d’allarme lanciato a novembre dal garante comunale delle persone private della liber­tà personale, Maria Pia Brunato, non accenna a di­minuire l’emergenza car­ceri. A fronte di una ca­pienza che dovrebbe esse­re di mille persone, nel carcere delle Vallette “Lo ­russo e Cotugno” i detenu­ti al 12 febbraio erano 1.512, 1.397 maschi e solo 155 femmine, mentre nella sezione nido d’infan zia del padiglione femminile sono presenti 6 bambini che hanno meno di tre an­ni. Se quindi negli ultimi tre mesi il numero complessi­vo dei detenuti nel carcere delle Vallette è rimasto so­stanzialmente stabile, a novembre erano 1.523,…

Torna alla Home

Tutti a messa in chiesa la domenica, non tanto perchè mossi da sincera fede ma per tentare di comunicare tra loro, anche a gesti; messaggi in codice, facendo affidati talvolta a poliziotti penitenziari corrotti o ricattati, oppure a detenuti extracomunitari sfruttati: i boss sottoposti al regime penitenziario più duro in assoluto, il 41 bis, utilizzano qualsiasi mezzo per continuare a dare ordini ai ‘picciotti’ fuori dal carcere. Non ultimo il fare ricorso ad avvocati che, guarda caso, sono anche loro parenti. A riferirlo è il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap); Franco Ionta, nel corso della sua audizione in Commissione parlamentare…

Torna alla Home

Dalla segreteria regionale parlano di una decisione «sofferta» che ha come scopo attirare l’attenzione delle «coscienze assopite della classe politica italiana sulla grave situazione penitenziaria regionale e nazionale». «Le carceri scoppiano per il pesantissimo sovraffollamento e l’avvicinarsi dell’estate renderà certamente rovente la situazione generale», denunciano come ormai da mesi dal Sappe. «Gli unici a pagare lo scotto di questo dramma sono le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria, che è l’unica rappresentante dello Stato che sta fronteggiando concretamente questa emergenza anche mettendo a repentaglio l’incolumità fisica dei suoi Baschi Azzurri, come certificano le decine e decine di gravi ed…

Torna alla Home

Domenica scorsa, nel carcere di Trieste una detenuta ha tentato il suicidio e solo il tempestivo intervento delle agenti penitenziarie ha scongiurato il peggio. A rendere noto l’episodio è il segretario generale della Uilpa Penitenziari, Eugenio Sarno, che rende noto che dal 1 gennaio 2010 a ieri nei penitenziari italiani ci sono stati: 3 suicidi di agenti penitenziari e 26 di detenuti, 39 tentati suicidi in cella sventati, 84 agenti penitenziari feriti a causa di aggressioni da parte di detenuti, 3 evasioni e 5 tentate". "E mentre ci apprestiamo a celebrare l’Annuale del Corpo, continuano ad arrivare inequivocabili segnali di una tensione…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp