<

Categoria: sappe

“Il carcere di S.VITTORE a Milano, come altre strutture detentive, ha oggettive difficoltà strutturali che meriterebbero urgenti interventi di manutenzione da parte dell’Amministrazione Penitenziaria. Ma, e va detto con forza, questo non pregiudica le condizioni di sicurezza dell’Istituto e la dignità della detenzione dei ristretti. A San Vittore, le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria svolgono quotidianamente il servizio con professionalità, zelo, abnegazione e soprattutto umanità in un contesto assai complicato. Altro che le gravi accuse contenute nel video mandato in onda su Le Iene”. Lo dichiara Alfonso Greco, segretario regionale per la Lombardia del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria…

Torna alla Home

Il SAPPE replica all’articolo di Adriano Sofri su Il Foglio Sull’estrazione dell’omicida Cesare Battisti si è detto e scritto molto, e sono convinto che ancora molto leggeremo ed ascolteremo sull’ex terrorista. Un articolo, in particolare, mi ha colpito: l’ha pubblicato Il Foglio – “Essere umani, essere Cesare Battisti”, edizione di martedì 15 gennaio 2019 – e l’ha scritto Adriano Sofri, il leader di Lotta Continua condannato a 22 anni di carcere (ma da tempo in libertà) quale mandante dell’omicidio del Commissario di Polizia Luigi Calabresi avvenuto a Milano nel 1972. Sofri, tra le altre cose, insinua sulla professionalità degli uomini…

Torna alla Home

Contreplica del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE al Ministero della Giustizia sull’autorizzazione concessa dall’Ufficio stampa  a far girare le scene di un docufilm nel carcere di Poggioreale. Ridicole e infantili le giustificazioni: “abbiamo altro da fare che controllare i casting…” Tanto la figura del cavolo mica la fanno loro … “Arrampicarsi sugli specchi non serve per giustificare l’ingiustificabile: davvero il Ministero della Giustizia vuole farci credere che il nulla osta concesso ad una produzione cinematografica per girare un film a Poggioreale sia stato preceduto da una serie di accertamenti scrupolosi? E allora come è possibile che a un ex detenuto…

Torna alla Home

Attacco frontale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Oggetto del contendere l’autorizzazione concessa dall’Ufficio stampa del Ministero a far girare le scene di un docufilm nel carcere di Poggioreale. “Nulla da dire, se non fosse che ad indossare la divisa da poliziotto penitenziario sia stato autorizzato un ex detenuto”, denuncia il segretario generale del SAPPE Donato Capece. “E’ semplicemente scandaloso tutto questo!  Come sia potuta accadere una cosa del genere lo vogliamo sapere dal Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che certo non può autorizzare riprese di docufilm in carcere senza prima avere avuto assicurazioni dalla società…

Torna alla Home

Un incontro nel quale esaminare e trovare una rapida soluzione alle criticità, costanti, del sistema penitenziario. Anche a seguito del messaggio di fine anno del Capo dello Stato Sergio Mattarella. Rinnova la richiesta di un incontro al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, commentando l’autorevole messaggio pervenuto dal Quirinale. Si sollecita un incontro con il ministro Bonafede “Abbiamo molto apprezzato il richiamo che il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha fatto alla sicurezza sociale nel suo tradizionale messaggio di fine anno. In particolare, siamo d’accordo con l’inciso secondo il quale sicurezza parte da un ambiente in…

Torna alla Home

TRENTO, NESSUNA SANZIONE DISCIPLINARE PER I 100 DETENUTI CHE HANNO DEVASTATO IL CARCERE DURANTE UNA RIVOLTA. LA PROTESTA DEL SAPPE: “E’ UNO SCANDALO! E’ QUESTO IL NUOVO CORSO DI BONAFEDE E BASENTINI?” Attacco frontale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE al Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e al Capo dell’Amministrazione Penitenziaria, Francesco Basentini, per le modalità di gestione delle carceri del Paese. Il Sindacato lamenta la mancata convocazione, nella sede ministeriale di via Arenula a Roma, per affrontare la spinosa questione delle carceri, argomento che per il SAPPE dovrebbe essere al primo punto dell’agenda ministeriale, anche alla luce degli ultimi…

Torna alla Home

Sono stati tantissimi i poliziotti penitenziari che hanno partecipato alle manifestazioni organizzate su tutto il territorio nazionale dalla Segreteria Generale del SAPPE per dire “BASTA!” alle continue aggressioni che si verificano nelle carceri del Paese contro i Baschi Azzurri. Davanti alle più rappresentative carceri del Nord, Centro e Sud Italia, le donne e gli uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria, iscritti e non al nostro Sindacato a dimostrazione della trasversalità del malessere che caratterizza i Baschi Azzurri del Corpo, hanno partecipato all’iniziativa del SAPPE che ha posto al centro delle manifestazioni il legittimo diritto a chiedere più tutele per chi…

Torna alla Home

Si è svolto a Roma un incontro al Ministero della Giustizia tra il Sottosegretario di Stato Vittorio Ferraresi ed una delegazione del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, guidata dal Segretario Generale del SAPPE Donato Capece. “Si è trattato di un incontro molto produttivo ed interessante, che ha affrontato diversi argomenti di importanza fondamentale per il Corpo di Polizia e per l’Amministrazione tutta”,commenta Capece. “Abbiamo rappresentato al Sottosegretario Ferraresi due aspetti importanti. Il primo è quello legato allo scorrimento delle graduatorie degli idonei non vincitori dei diversi concorsi di Agente di Polizia Penitenziaria, che si sono sviluppati negli ultimi anni: sono i concorsi a 1.220, 300+100 e 197…

Torna alla Home

Due aggressioni nel carcere di Brindisi: vittime un detenuto e un poliziotto. Il Sappe: “Spray urticante e taser anche per la polizia penitenziaria”. I fatti che verranno denunciati dal sindacato sarebbero accaduti nei giorni 3 e 4 novembre, “ma si è avuta notizia solo ora poiché invece di cercare di evitare questi episodi, si fa il possibile per tenerli nascosti” scrive il Sappe. Il primo fatto sarebbe accaduto sabato 3 novembre nel cortile dei passeggi del carcere di Brindisi. Come denunciato dal sindacato, alcuni detenuti si sono scagliati contro un detenuto extracomunitario, aggredendolo e colpendolo con violenza. A questo punto…

Torna alla Home

Nei giorni scorsi è stato presentato il decreto legge immigrazione e sicurezza pubblica n. 113/2018 e il relativo disegno di legge di conversione, atto Senato n. 840. Il decreto legge si articola in tre parti, riguardanti l’immigrazione, la sicurezza pubblica e l’organizzazione dell’amministrazione civile del Ministero dell’Interno e dell’Agenzia Nazionale per i beni sequestrati o confiscati alla criminalità organizzata. Per quanto riguarda la parte relativa alla sicurezza ci siamo attivati immediatamente, riuscendo ad ottenere un’audizione in Commissione Affari Costituzionali al Senato, oltre ad aver scritto ai ministri interessati e ad aver incontrato alcuni esponenti del gruppo di Forza Italia, tra…

Torna alla Home

Altra richiesta che dovrà essere valutata con urgenza riguarda lo sfollamento urgente di almeno 800 detenuti da mandare in altre regioni È stata una manifestazione organizzata all’ultimo momento, poiché tanti poliziotti dovevano effettuare il turno notturno che quando va bene da mezzanotte finisce alle 8.30, però volevano esserci per protestare contro una situazione di lavoro non più sopportabile”. Così esordisce il segretario nazionale del SAPPE (Sindacato autonomo polizia penitenziaria), Federico Pilagatti per parlare del sit-in degli agenti oggi in Puglia, a Bari. “I colleghi da Taranto, Foggia, Trani, Lecce, appena hanno potuto si sono fiondati a Bari per rappresentare al capo del…

Torna alla Home

Da quando hanno chiuso i manicomi criminali i pazzi vengono buttati nelle carceri normali e così anche Taranto insieme ad altre carceri della regione, è diventato anche un manicomio in cui molti detenuti con seri problemi psichiatrici, creano caos e difficoltà ai poliziotti ed alla restante popolazione detenuta». Lo denuncia in una nota il Sappe, sindacato autonomo di polizia penitenziaria. «Eppure – viene sottolineato – esiste una legge dello stato che ha trasmesso tutte le incombenze sanitarie inerenti i detenuti all’Asl che dovrebbe gestire h.24 questi pazzi, ma nei fatti non destina loro che pochi minuti al giorno di specialisti psichiatrici.…

Torna alla Home

Gli agenti hanno protestato, si legge in un comunicato del sindacato Sappe, “per la mancanza di personale, il non rispetto dei diritti soggettivi, un’organizzazione dei servizi assolutamente fallimentari e fatiscente ed una situazione di precaria sicurezza”. “La situazione interna alle carceri toscane e’ diventata invivibile – dice Pasquale Salemme, segretario del Sappe per la Toscana – Da mesi, inascoltati, chiediamo inoltre un’ispezione ministeriale nelle carceri toscane per verificare le molte anomalie che si registrano sistematicamente sull’organizzazione del lavoro”, aggiunge. Al sit-in era presente anche Donato Capace, segretario generale del sindacato, che chiede al ministero di giustizia di dotare di pistola…

Torna alla Home

Da parecchio tempo si rincorrono, prevalentemente su internet, notizie, indiscrezioni e qualche comunicato circa una presunta penalizzazione contributiva ai fini pensionistici del personale del comparto sicurezza arruolato o assunto negli anni 1981, 1982 e 1983. Da qualche giorno, inoltre, circola sul web un file audio di un sedicente appartenente alla forze dell’ordine che illustra gli effetti di “un ricorso vinto dinanzi al TAR Sardegna contro l’INPS”. Secondo il narratore “l’INPS con l’avvento dell’ENPAS” avrebbe sottratto dei soldi (“punti percentuali per ogni mensilità”) ovvero anziché “prendere il 44% sulla diaria forfettaria degli stipendi e della pensione” avrebbe trattenuto un 8% in…

Torna alla Home

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp