TASER alle forze dell’ordine: oggi Consiglio dei Ministri approva regolamento per PS, CC e GdF … e la Polizia Penitenziaria?

1
Share.
Vuoi essere aggiornato con tutte le VIDEO-NOTIZIE? Iscriviti al nostro canale!

La sperimentazione

Il 5 settembre del 2018 era iniziata la sperimentazione del TASER per la Polizia di Stato in undici città (Milano, Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Palermo, Catania, Padova, Caserta, Reggio Emilia e Brindisi).

Questa sperimentazione è stata giudicata positiva ed ora il TASER entrerà ufficialmente nelle dotazioni delle forze dell’ordine. Il Regolamento che disciplina l’uso della pistola ad impulsi elettrici per Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza sarà approvato oggi in via preliminare dal Consiglio dei Ministri e poi, dopo i passaggi d’obbligo per gli organi di controllo, il testo tornerà in CDM per via libera definitivo.

Le linee guida per l’utilizzo

Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza aveva già diramato le linee guida sull’utilizzo del TASER.

La distanza consigliata per un tiro efficace va dai tre ai sette metri e il TASER “va mostrato senza esser impugnato per far desistere il soggetto dalla condotta in atto”. Solo se questo tentativo dovesse fallire, si può sparare il colpo, ma considerando “per quanto possibile il contesto dell’intervento e i rischi associati con la caduta della persona dopo che la stessa è stata attinta”.

Ancora, chi utilizza l’arma deve tener conto della “visibile condizione di vulnerabilità” del soggetto, come può accadere, per esempio, nel caso di una donna incinta. È necessario anche stare attenti alle condizioni dell’ambiente intorno, per evitare il rischio di esplosioni o di incendi.

Nel 2017, dopo un paio di anni di sperimentazione, era già stato introdotto in dotazione alle stesse forze dell’ordine lo spray al peperoncino.

E la Polizia Penitenziaria?

La Polizia Penitenziaria, invece, continuerà a difendersi con le mani, con i piedi e con gli sputi …

E i pronto soccorso di tutta Italia, continueranno ogni giorno a medicare i colleghi vittime di aggressioni.

Quando si degneranno i nostri politicanti  concedere anche a noi qualche strumento di difesa?

Fino a quando si continuerà ad ascoltare solo la voce dei garanti, di Antigone, dei radicali e degli ex detenuti che una volta usciti continuano a gettare fango sulla nostra istituzione?

Non siamo soltanto noi che dobbiamo continuare ad augurarci “Io speriamo che me la cavo”, ma lo devono fare anche i politici e i dirigenti, perché se dovesse succedere qualche cosa di grave più di qualcuno se ne dovrà assumere la responsabilità!

 

Leggi cosa è il TASER

Arriva il Taser anche in Italia. Che cos’è e come funziona questo dispositivo elettrico

lo spray urticante

Polizia e Carabinieri hanno avuto in dotazione lo spray al peperoncino. A noi della Polizia Penitenziaria daranno lo spray deodorante?

 

 

 

Torna alla Home

About Author

Giovanni Battista De Blasis

Nato a Roma il 26 agosto 1958 già Sostituto Commissario Coordinatore del Corpo di Polizia Penitenziaria. Laureato in giurisprudenza, un master in scienze criminologiche ed uno in scienze penitenziarie e dell’esecuzione penale. Giornalista pubblicista. Autore di pubblicazioni tecnico-giuridiche, professionali, saggistiche e satiriche. Avvocato praticante. Manager per i servizi di mediazione. Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Vice Presidente e Direttore del Comitato Scientifico dell’Accademia Europea Studi Penitenziari. Segretario Generale Aggiunto del Sappe e Vice Presidente Vicario dell’Anppe.

1 commento

  1. Avatar

    Evento critico per prelevare, introdurre in Istituto ed utilizzare il Taser serve l’autorizzazione del Direttore il quale si deve consultare con il Provveditore che a sua volta vuole il parere del Direttore Generale che informa il Capo del Dipartimento che per cautela fa chiedere un parere all’avvocatura generale …. intanto ti hanno già menato 10 volte.
    Per i nuclei traduzioni e piantonamenti al primo utilizzo rischi l’imputazione di tentata strage che poi magari cade in dibattimento ma il reato di tortura non lo scampi nemmeno se ti difende Perry Mason

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp