Torino, ispezione congiunta nel carcere “LoRusso-Cutugno” di SAPPe e Consiglieri regionali. “Vicinanza alla Polizia Penitenziaria”

0
Share.
Vuoi essere aggiornato con tutte le VIDEO-NOTIZIE? Iscriviti al nostro canale!

Nella mattinata di ieri, 17 luglio, una delegazione sindacale del S.A.P.P.E. comprendente il Segretario Generale Donato Capece e dal Segretario Regionale Vicente Santilli accompagnati dall’assessore di diritti civili Roberto Rosso e dal Consigliere Regionale Gianluca Gavazza hanno fatto ingresso alla Casa Circondariale Lo Russo e Cutugno di Torino per constatare le condizioni, stavolta non dei ristretti come accade di sovente, ma degli uomini e delle donne della Polizia Penitenziaria. Uomini e donne che quotidianamente prestano servizio in questo istituto con dedizione e con non poche difficoltà date anzitutto dalla carenza del personale.

Spiega Santilli: “La delegazione, durante la visita, ha potuto constatare le condizioni fatiscenti della struttura a cominciare dal settore controllo pacchi presso il reparto colloqui. Si è poi proseguito verso il Padiglione “B” in cui si è avuto modo di confrontarsi col personale che presta servizio in prima linea nelle sezioni detentive; ed anche qui si è potuto notare che l’edificio ha serie carenze strutturali al punto che in caso di maltempo si creano allagamenti. L’ispezione è terminata alla M.O.S. dalla quale il personale di Polizia Penitenziaria da più di una settimana si è facoltativamente astenuto data l’assenza di prodotti adeguati e confacenti alle esigenze del personale. Il direttore, Dottor Leggieri, ha parlato di una mancanza del forno che infatti nel giornata di oggi è tornato finalmente in funzione. Si fa presente che tale rimostranza non è dovuta ad una mancanza specifica quale il forno ma ad un insieme di carenze, più nello specifico: la qualità e la quantità dei prodotti e la preparazione degli stessi. I consiglieri regionali sono pronti a indire  una conferenza stampa per  chiarire e risolvere  il tutto presso la Casa Circondariale di Torino”.

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, assicura pieno sostegno all’iniziativa del SAPPE di Torino: “Da tempo denunciamo una situazione allarmante, caratterizzata da un significativo sovraffollamento del carcere a cui si contrappone una significativa carenza di appartenenti alla Polizia Penitenziaria ed a condizioni operative e di vivibilità non adeguate per chi serve lo Stato in prima linea nella patrie galere del distretto Piemonte-Liguria-Valle d’Aosta. A tutto questo, alle reiterate segnalazioni e denunce del SAPPE, non è seguito alcun provvedimento concreto e per questo i colleghi di Torino sono pronti a manifestare anche  davanti al Ministero della Giustizia ed al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria a Roma”.

Torna alla Home

About Author

Avatar

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WhatsApp Ricevi news su WhatsApp